Salta al contenuto principale

Mercato Libero luce e gas: cos'è e come funziona

Mercato Libero luce e gas - A2A

Passare al mercato libero dell'energia può essere molto conveniente.

La liberalizzazione del mercato dell’energia ha creato condizioni economiche che sono definite dal fornitore in un ambito di libera concorrenza.

Con il mercato libero di luce e gas è possibile scegliere liberamente il proprio fornitore di energia, usufruendo di più soluzioni e un’ampia gamma di offerte luce e gas rispetto al servizio di maggior tutela. Ciò garantisce diversi vantaggi per i clienti finali, in quanto permette di acquistare una fornitura più conveniente, rispettosa dell’ambiente e adatta al proprio fabbisogno energetico di gas ed energia elettrica.

Cos’è il mercato libero dell’energia: definizione e normativa

Il mercato energetico in Italia è stato liberalizzato definitivamente a partire dal 1° luglio 2007 (Decreto Bersani d.lgs. 79 del 1999). Prima di questa data i clienti dovevano rivolgersi alla compagnia disponibile nel mercato tutelato, per stipulare un contratto di fornitura di energia elettrica e gas secondo le condizioni economiche definite dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA, ex AEEGSI). 

Con l’introduzione del mercato libero di gas e luce è stata fornita ai consumatori un’alternativa al servizio di maggior tutela, consentendo a famiglie e imprese di scegliere tra le offerte energetiche nel mercato libero oppure in quello tutelato. Nel primo le tariffe sono decise dai fornitori secondo il principio della libera concorrenza, con la possibilità di risparmiare grazie a un’offerta più vantaggiosa; nel secondo le tariffe sono stabilite da ARERA e uguali per tutte le compagnie, senza differenze di prezzo tra un fornitore e gli altri.

Da quando è obbligatorio passare al mercato libero?

Negli ultimi anni è stato avviato il passaggio definitivo dal mercato tutelato a quello libero, un processo che ha già reso il mercato libero obbligatorio per alcune categorie di consumatori. Dal 1° gennaio 2021, infatti, è terminato il mercato tutelato per le piccole imprese (aziende con fatturato da 2 a 10 milioni di euro, tra 10 e 50 dipendenti e un punto di prelievo a bassa tensione) e le microimprese (fatturato fino a 2 milioni di euro, meno di 10 dipendenti e punto di prelievo con potenza contrattualmente impegnata superiore a 15 kW).

Dopo una serie di proroghe, con il mercato libero luce e gas rinviato al 2022 e in seguito al 2023, anche per le famiglie e le imprese che non rientrano nelle precedenti categorie è stata fissata la data ufficiale per il passaggio obbligatorio al mercato libero. Questa transizione avverrà il 10 gennaio 2024, con la fine per tutti i consumatori del servizio di maggior tutela dell’energia elettrica e del gas e la possibilità di sottoscrivere liberamente la fornitura energetica all’interno del mercato libero. 

Cosa succede se non si passa al mercato libero?

Dal 1° luglio 2021, le imprese obbligate al passaggio al mercato libero che non hanno scelto un fornitore sono state assegnate al Servizio a Tutele Graduali (STG). In questo caso la fornitura viene garantita da un venditore individuato da ARERA attraverso degli appositi bandi, in base alla zona geografica di ubicazione dell’impresa. Le condizioni contrattuali corrispondono a quelle delle offerte PLACET (regolate da ARERA), inoltre anche il prezzo unico a livello nazionale è definito dalla stessa Autorità.

Lo stesso meccanismo verrà utilizzato anche per i clienti domestici che non saranno passati al mercato libero entro gennaio 2024, ai quali sarà assicurata comunque la continuità della fornitura, tramite l’affidamento a degli operatori individuati da ARERA e la sottoscrizione di apposite offerte a tariffe regolate. Tuttavia, è possibile effettuare questo passaggio in qualsiasi momento e in modo gratuito per questo motivo è importante informarsi sulle differenze tra mercato libero e tutelato e iniziare a valutare le offerte luce e gas disponibili. 

Come funziona il mercato libero di luce e gas

Nel mercato tutelato i costi della luce e del gas sono stabiliti ogni tre mesi da ARERA, prezzi che ovviamente riflettono l'andamento del mercato delle materie prime. Essendo i costi vincolati ai prezzi determinati dall’Autorità, le forniture nel servizio di maggior tutela hanno tutte la stessa tariffa. Questo aspetto rende impossibile un vero confronto tra le diverse compagnie energetiche, con il rischio che si verifichino situazioni di monopolio e un basso livello di concorrenza ai danni dei consumatori.

Le tariffe di gas e luce nel mercato libero, invece, non sono legate ai prezzi individuati da ARERA, ma alle offerte proposte dai fornitori in modo libero e competitivo. Naturalmente alcune componenti sono fisse e non cambiano, in particolare gli oneri di sistema e le imposte obbligatorie. Tuttavia, i fornitori possono competere sul prezzo della materia prima energia, il quale in media incide sul costo totale della fornitura per circa la metà dell’importo fatturato in bolletta.  

I fornitori acquistano l’energia elettrica e il gas sul mercato interno e internazionale, pagando un prezzo differente a seconda del produttore, dell’andamento del mercato energetico e del tipo di fonte di energia. Il mercato libero ha incentivato ad esempio l’acquisto di energia da fonti rinnovabili, come l’eolico, l’idroelettrico e il fotovoltaico, in questo modo alcuni venditori hanno iniziato ad offrire forniture green da energie pulite e sostenibili ai clienti che vogliono ridurre la propria impronta di carbonio. 

Come passare al mercato libero di gas e luce

Tra le domande frequenti sul mercato libero, molte persone si chiedono come funzioni il passaggio dal servizio di maggior tutela al mercato libero dell’energia elettrica e del gas. In realtà si tratta di una procedura semplice, veloce e gratuita. Dopo aver scelto un fornitore, infatti, basta comunicare alla compagnia alcuni dati:

  • informazioni anagrafiche dell'intestatario delle fornitura;
  • indirizzo della fornitura e di fatturazione (se diverso dal primo);
  • codice POD per l’energia elettrica e PDR per il gas;
  • indirizzo email per ricevere le bollette tramite posta elettronica (facoltativo).
  • IBAN per l'accredito automatico della bolletta su conto corrente (facoltativo).

Una volta firmato il contratto il nuovo fornitore si occuperà di tutti gli adempimenti burocratici e tecnici, comunicando la cessazione della fornitura precedente al vecchio fornitore. Passare al mercato libero non comporta alcuna interruzione della fornitura. Oggi molti fornitori consentono anche di attivare una fornitura luce e gas nel mercato libero online, gestendo tutta la procedura in modo 100% digitale per semplificare e velocizzare il servizio. 

Non sai dove trovare il codice POD? Leggi questo articolo: POD in bolletta: che cos'è e come riconoscerlo.

I vantaggi del mercato libero di gas e luce

Nel mercato libero i clienti possono beneficiare di una maggiore scelta di opzioni tariffarie, alcune delle quali non sono disponibili nel mercato tutelato. Ciò vale soprattutto per l’energia elettrica, con la possibilità di trovare ad esempio offerte a prezzo fisso e a prezzo variabile. Le forniture luce a prezzo fisso prevedono il blocco della tariffa per un periodo di 12 o 24 mesi, mentre quelle a prezzo variabile sono indicizzate al PUN, il prezzo dell’energia elettrica all’ingrosso con variazioni su base mensile, quindi si tratta di tariffe che cambiano nel corso del tempo a seconda del prezzo della materia prima. 

Un’altra peculiarità del mercato libero dell’energia elettrica sono le offerte luce monorarie, non presenti nel servizio di maggior tutela dove tutte le tariffe sono biorarie. Le tariffe monorarie prevedono un prezzo sempre uguale per l’energia elettrica consumata, mentre in quelle multiorarie dipende dal momento in cui l’energia viene utilizzata, con prezzi fissati in base alle fasce orarie elettriche (F1, F2 e F3). Inoltre, i contratti luce nel mercato libero possono includere tanti servizi aggiuntivi come sconti, programmi fedeltà e forniture di energia verde, con la possibilità per i clienti di sottoscrivere un’offerta personalizzata e perfettamente adatta alle proprie esigenze.

 

Vuoi passare al mercato libero dell'energia?

Lasciaci i tuoi dati, sarai richiamato da un nostro esperto che ti guiderà nella scelta dell'offerta più adatta alle tue esigenze.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e su di esso si applicano l'Informativa sulla privacy e i Termini del servizio di Google.

Presa visione dell'informativa privacy fornita ai sensi della vigente normativa in materia di Privacy autorizzo A2A Energia a inviarmi promozioni e comunicazioni commerciali di propri prodotti e servizi, ed effettuare ricerche di mercato tramite modalità di contatto automatizzate e tradizionali