Salta al contenuto principale

Come ridurre lo spreco d'acqua in ambito domestico?

Come ridurre lo spreco d'acqua - A2A

Secondo l’ultimo report dell’ISTAT, in Italia viene sprecata oltre un terzo dell’acqua immessa nella rete di distribuzione. I cambiamenti climatici e l’inquinamento, inoltre, stanno aumentando la pressione sui bacini idrici già fortemente sollecitati dai processi di urbanizzazione e dallo sviluppo economico non sostenibile.

L'acqua e l’insieme dei servizi a essa correlati sono elementi imprescindibili per la vita, il benessere dei cittadini e la crescita economica. Tuttavia, sebbene il pianeta sia composto per il 70% di acqua, solo il 2,5% è acqua dolce, mentre appena lo 0,1% è accessibile per il consumo umano. Ciò rende evidente quanto sia importante che ciascuno faccia la sua parte nella gestione responsabile delle risorse idriche.

Per contribuire è fondamentale sapere come ridurre lo spreco d’acqua, adottando una serie di accorgimenti che consentono di usare meglio l’acqua nella quotidianità. Vediamo in che modo è possibile ridurre il consumo di acqua in ambito domestico, con 10 consigli utili per proteggere questo bene prezioso ed essenziale per la vita.

Come ridurre gli sprechi d’acqua: 10 buone abitudini per diminuire l’impronta idrica

Ognuno di noi utilizza una certa quantità d’acqua ogni giorno per lavarsi, cucinare e pulire l’abitazione. Esiste inoltre il consumo d’acqua indiretto, ad esempio quello relativo alle scelte alimentari, come l’acqua consumata dagli animali o le risorse idriche utilizzate per le coltivazioni. L’insieme di tutta l’acqua impiegata, in modo diretto e indiretto, costituisce l’impronta idrica.

Per tutelare questa risorsa scarsa e fondamentale per l’esistenza è necessario essere consapevoli degli sprechi, per modificare le proprie abitudini affinché sia possibile vivere in modo più sostenibile. Ecco 10 buoni comportamenti per ridurre lo spreco d’acqua, piccoli gesti che possono fare la differenza per una maggiore sostenibilità nell’utilizzo di questa risorsa.

1. Installare i frangigetto ai rubinetti

Prima di tutto occorre installare i frangigetto ai rubinetti di casa. Chiamati anche aeratori, i frangigetto sono dei piccoli e semplici dispositivi dal costo di pochi euro, che consentono di miscelare l’aria e l’acqua in modo da ridurre la quantità di acqua consumata. Si tratta di un’operazione semplice, economica ed efficace per iniziare subito a risparmiare acqua.

2. Chiudere l'acqua quando non serve

Può sembrare ovvio, tuttavia spesso ci sono delle cattive abitudini talmente consolidate a cui nemmeno si fa più caso, non rendendosi conto che si sta sprecando dell’acqua. Ad esempio, è opportuno chiudere il rubinetto dell’acqua mentre si insaponano i capelli con lo shampoo, oppure quando si lavano i denti mentre si spazzolano o ci si rade.

Per capire meglio l’entità dello spreco, basti pensare che da un rubinetto aperto possono uscire tra gli 8 e i 10 litri di acqua potabile al minuto. Un accorgimento semplice consiste nel riempire una bacinella d’acqua per risciacquare il rasoio, in questo modo non sarà necessario lasciare l’acqua aperta mentre ci si rade.

3. Preferire la doccia al bagno

Scegliere la doccia invece del bagno in vasca fa abbassare i consumi di acqua in modo significativo. Per massimizzare il risparmio idrico, anche in questo caso è bene chiudere il rubinetto mentre ci si sta insaponando. Inoltre, per quanto sia piacevole, non bisogna indugiare più del necessario sotto il getto dell’acqua, perché in pochi minuti vengono consumati parecchi litri di acqua inutilmente.

4. Riutilizzare l'acqua quando possibile

A Volte l’acqua utilizzata per alcune attività può essere riutilizzata invece di buttarla via. Ad esempio, in estate i condizionatori producono sempre della condensa, la quale può essere adoperata per lavare i pavimenti. Inoltre, trattandosi di acqua priva di calcare può essere utilizzata per il ferro da stiro. L’acqua che avanza dal lavaggio delle verdure, invece, può essere utilizzata per innaffiare le piante in balcone o sul terrazzo.

5. Moderare l'uso dello scarico del WC

È bene installare una cassetta a doppia pulsantiera per lo scarico del WC, in questo modo è possibile selezionare la quantità d’acqua giusta per ogni necessità. Inoltre, non bisogna mantenere premuto il pulsante dello scarico troppo a lungo, in quanto questi meccanismi sono già configurati per erogare la giusta quantità d’acqua senza sprechi.

6. Riparare le perdite idriche

Un rubinetto che perde, anche se poco in apparenza, può essere la causa di un enorme spreco d’acqua. Secondo alcune stime, in un minuto da un rubinetto possono uscire 90 gocce di acqua, pari a 4 mila litri d’acqua all’anno. Particolare attenzione va posta allo scarico del WC, perché può avere delle perdite di acqua che vengono sottovalutate ma che possono provocare lo spreco di decine di litri di acqua al giorno.

Le perdite andrebbero riparate il prima possibile, effettuando l’intervento da soli oppure chiamando un idraulico. Per ridurre gli sprechi d’acqua bisogna anche effettuare una corretta manutenzione periodica dell’impianto idraulico, poiché alcune perdite potrebbero non essere visibili ma rimanere nascoste.

7. Lavare le verdure dentro un contenitore

Invece di usare l’acqua corrente è meglio riempire un contenitore e lavare le verdure al suo interno. Anche quest’acqua potrà essere riutilizzata, ad esempio per innaffiare le piante del giardino o del terrazzo, per diminuire il consumo d’acqua potabile finalizzato all’irrigazione di fiori e piante ornamentali.

8. Raccogliere l'acqua fredda del rubinetto in attesa di quella calda

Spesso, in attesa che dal rubinetto esca l'acqua calda si lascia scorrere quella fredda, aspettando anche qualche minuto prima che venga raggiunta la temperatura desiderata. Invece di sprecarla, l'acqua fredda può essere raccolta e riutilizzata per lavare i pavimenti, per innaffiare le piante o per qualsiasi altra faccenda di casa, basta posizionare una bacinella sotto al rubinetto.

9. Usare lavatrice e lavastoviglie sempre a pieno carico

Per non sprecare acqua bisogna usare in modo responsabile la lavatrice e la lavastoviglie, utilizzandole sempre a pieno carico e scegliendo il programma ECO quando possibile. Questi elettrodomestici, infatti, consumano tra gli 80 e i 120 litri d’acqua ad ogni lavaggio, indipendentemente da quanto siano stati riempiti. Questo accorgimento aiuta anche a risparmiare energia elettrica per ridurre i costi in bolletta, considerando l’elevato consumo della lavastoviglie e della lavatrice.

10. Lavare l'automobile usando il secchio

Per sapere come ridurre lo spreco dell’acqua quando si decide di lavare l’automobile, basta utilizzare un secchio e non l'acqua corrente, ad esempio evitando il getto del tubo dell’acqua. Inoltre è opportuno lavare la macchina solo quando strettamente necessario, usando il buonsenso, evitando gli eccessi per diminuire il consumo d’acqua senza rinunciare ad avere comunque un’auto pulita.

Iscriviti alla newsletter