Salta al contenuto principale

Risparmio energetico: 10 consigli pratici per la casa

risparmio energetico

Il risparmio energetico è un tema fondamentale, che ha una valenza concreta nella vita di tutti i giorni.

Grazie ad alcune buone pratiche, è possibile infatti abbattere i costi in bolletta e contemporaneamente avere un impatto minore sull'ambiente.

Ciascuno può raggiungere questo obiettivo attraverso comportamenti consapevoli, ovvero piccoli gesti quotidiani volti a ridurre i consumi energetici.

Risparmio energetico: cos'è

Il risparmio energetico a casa è dunque il frutto di azioni quotidiane: ogni individuo deve organizzarsi per impattare di meno a livello di consumi. Ma cosa si intende per risparmio energetico? Sono tutti quei comportamenti virtuosi che limitano lo spreco di energia. I fattori che hanno reso indispensabile questa sensibilità sono: 

  • Il rapido esaurimento delle risorse per la produzione di energia (ed in particolare dei combustibili fossili)
  • Il riscaldamento globale per via delle emissioni di gas serra
  • I problemi politici e di sicurezza dell'approvvigionamento per via delle manifeste diseguaglianze tra Paesi ricchi e poveri.

Ognuno di noi può ridurre il proprio consumo energetico, a beneficiarne sarà sia il portafogli che il Pianeta.

risparmio energetico v2

Modalità risparmio energetico: dieci consigli utili

Quando si parla di modalità di risparmio energetico ci si riferisce proprio a quei piccoli gesti quotidiani, che rivestono però un grande valore nell'ottica di abbattimento del proprio l'impatto energetico. Ecco in concreto alcuni consigli che ciascuno di noi può attuare a casa.

  1. Fare attenzione all'illuminazione domestica
    L'illuminazione domestica è un aspetto molto importante: dotarsi di lampadine a risparmio energetico risulta una scelta assolutamente consigliabile per via dei bassi consumi che garantiscono. La scelta delle lampadine in generale deve essere consapevole: è bene optare per modelli in linea con le reali esigenze, evitando esagerati livelli di illuminazione. Sono molto diffuse anche le lampade a LED, che consumano circa l'80% in meno di quelle a incandescenza (oltre al fatto che durano molto di più). Sempre a tal proposito, non dimenticare le luci accese e non accenderle in pieno giorno sono azioni che sembrano banali, ma hanno un'importanza notevole.
     
  2. Acquistare modelli di elettrodomestici più recenti
    Per quanto riguarda gli elettrodomestici, vale la regola che una spesa più alta oggi significa una spesa più bassa domani. Utilizzare apparecchi vecchi fa male sia al portafogli che all'ambiente. La soluzione è quella di sostituirli con modelli di ultima generazione, cioè ad alto rendimento energetico, che consumano poco per svolgere la propria funzione. L'efficienza energetica degli elettrodomestici è indicata per legge sulle etichette: la scala va da G (la più bassa) a A+++ (la classe più alta e vantaggiosa).
     
  3. Utilizzare gli elettrodomestici con criterio
    Ovviamente non basta avere modelli di ultima generazione: bisogna saperli utilizzare nella maniera corretta. Ad esempio, ogni lavatrice e asciugatrice recente dispone del programma "ECO", cioè quello di risparmio energetico. Quando non si hanno necessità particolari, è bene optare su quello e non su programmi a caso. Sempre con riferimento alla lavatrice, un comportamento da evitare è quello di caricarla poco: ciò rappresenta uno spreco inutile di energia. Certo, non va nemmeno caricata eccessivamente: il bucato non si pulisce bene così. L'ideale è quello di avviare il ciclo di lavaggio con il giusto quantitativo di bucato (informazione che sul libretto delle istruzioni è sempre segnata). Altro accorgimento per ridurre il consumo è quello di stirare quando realmente necessario: ci sono degli indumenti che ne hanno realmente bisogno, ma altri invece che non richiedono di essere stirati. Stirare solo i primi equivale ad un buon risparmio energetico.
     
  4. Fare una corretta manutenzione degli elettrodomestici
    Una corretta pulizia e manutenzione degli elettrodomestici presenti in casa può essere importante perchè migliora le loro prestazioni e quindi conseguentemente i loro consumi. Ad esempio, i filtri di lavatrice, lavastoviglie e condizionatori vanno tenuti sempre puliti. Ma anche alcuni semplici gesti possono contribuire a ridurre il consumo energetico: non aprire e chiudere continuamente la porta del frigo o del freezer, non posizionare il frigorifero vicino a fonti di calore e non aprire continuamente il portello del forno, evitando così inutili dispersioni di calore. 
     
  5. Usare gli elettrodomestici nelle fasce orarie migliori
    Nel caso in cu il fornitore di energia elettrica preveda una tariffa bioraria, è bene impostare i timer di lavatrice e lavastoviglie nelle fasce orarie più economiche, ovvero quelle che vanno dalle 19 alle 8 del mattino.
     
  6. Controllare le prese elettriche
    Anche le prese elettriche consumano, e tenere collegati i dispositivi elettronici della casa (PC, ferro da stiro, caricabatterie ecc.) più del dovuto significa sprecare energia immotivatamente. Perciò è consigliabile staccare la spina quando non si usa più l'apparecchio: se gli elettrodomestici sono in stand-by non significa che non stiano consumando. Evitare il "consumo occulto" è semplice: basta staccare la spina della corrente dagli elettrodomestici che non usiamo.
     
  7. Assicurarsi che l'impianto di riscaldamento sia efficiente
    Ridurre i consumi e quindi i costi del riscaldamento è possibile. Per limitare la dispersione di calore in casa è utile svolgere alcune azioni, come ad esempio controllare che nei termosifoni non ci siano residui d'aria, regolare la temperatura della casa ad un massimo di 19°, non coprire i caloriferi con panni o tende e infine dare una controllata alla caldaia almeno una volta all'anno. Il controllo periodico della caldaia è peraltro obbligatorio per legge.
     
  8. Non abusare del condizionatore in estate
    Durante il periodo estivo, il condizionatore è sicuramente un valido alleato per combattere l'afa. Tuttavia, va usato solo quando necessario. Spesso invece si assiste ad utilizzi esagerati dell'aria condizionata. In ogni caso, quando viene acceso, va impostato in modo tale che in casa ci siano 6 gradi sotto alla temperatura esterna.
     
  9. Usare l'ascensore solo quando necessario
    Molte persone vivono in un condominio, e tra gli apparecchi elettrici più usati in questo contesto c'è sicuramente l'ascensore. I consumi annui di un ascensore non sono affatto piccoli. Per la nostra salute e per quella dell'ambiente, andrebbe preso solo se si abita dopo il terzo piano. Potrebbe essere un buon compromesso.
     
  10. Cambiare fornitore energetico.
    E infine, un ultimo consiglio è quello di confrontare le offerte dei vari fornitori di energia, e scegliere quella più conveniente a livello di costi e di impatto ambientale.

 

 

Vuoi scoprire l'offerta giusta per te?

Lasciaci i tuoi dati, sarai richiamato da un nostro esperto che ti guiderà nella scelta dell'offerta più adatta alle tue esigenze.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e su di esso si applicano l'Informativa sulla privacy e i Termini del servizio di Google.

Presa visione dell'informativa privacy fornita ai sensi della vigente normativa in materia di Privacy autorizzo A2A Energia a inviarmi promozioni e comunicazioni commerciali di propri prodotti e servizi, ed effettuare ricerche di mercato tramite modalità di contatto automatizzate e tradizionali