Salta al contenuto principale

Certificazione APE: come funziona, quanto costa, quando è obbligatorio

Certificato APE: come funziona - A2A

L’attestato di prestazione energetica (APE) è una certificazione che accerta le caratteristiche energetiche di un immobile o un edificio. Il certificato APE serve per attestare le prestazioni energetiche di un’abitazione, un documento spesso obbligatorio per realizzare alcune operazioni come la compravendita e la locazione di una casa, oppure per richiedere agevolazioni come il Superbonus 110%.

La certificazione APE viene rilasciata da appositi professionisti abilitati, in seguito a una diagnosi energetica dell’immobile per rilevarne il livello di efficienza energetica. In base a questo risultato è possibile ottenere la classe energetica, una categoria che sintetizza le performance energetiche dell’abitazione, oltre a preziose indicazioni che consentono di capire come risparmiare energia in casa.

Farti risparmiare e aiutarti a migliorare la qualità della vita è ciò che abbiamo a cuore come Life Company: scopri il significato del certificato APE, a cosa serve e come si ottiene.

Certificato APE: cos’è esattamente?

Il certificato energetico APE è un documento obbligatorio per legge in alcuni casi, una certificazione in cui sono riportate le caratteristiche energetiche di un edificio, un’abitazione o un appartamento. Introdotto in Italia con il D.lgs. 192/2005, modificato poi dal Decreto Legge 63/2013, va redatto dai proprietari dell'immobile e ne definisce le prestazioni energetiche.

Ogni edificio o abitazione, infatti, rientra in un sistema di qualificazione della classe energetica suddiviso in dieci classi. In base ai tre decreti attuativi della Legge 90/2013, in coerenza con la direttiva 2010/31/UE, viene seguita una metodologia di calcolo unica per tutto il Paese.

Due anni dopo sono stati emanati tre decreti interministeriali, che definiscono i requisiti minimi e le linee guida per la certificazione energetica degli edifici. Un immobile può rientrare in una delle seguenti classi, considerando l’indice di prestazione energetica globale dell’edificio: A4, A3, A2, A1, B, C, D, E, F, G (a scalare, dalla prestazione energetica più efficiente a quella peggiore).

Dove si richiede il certificato APE?

L'attestato di prestazione energetica viene redatto da un tecnico certificatore APE, che si occupa di valutare le caratteristiche energetiche dell’immobile. Il certificatore APE è un soggetto accreditato (secondo il DPR n.75 del 16 aprile 2013), competente in materia di efficienza energetica applicata agli edifici, con responsabilità civili e penali nell’esercizio della sua professione.

Attraverso leggi locali, le singole Regioni hanno il compito di formare, supervisionare e accreditare i tecnici certificatori APE. Per accertare le caratteristiche energetiche dell’immobile, il certificatore APE svolge una serie di indagini in cui vengono considerati vari elementi:

  • la qualità degli infissi;
  • la tipologia di caldaia;
  • le caratteristiche delle murature;
  • la presenza di sistemi di produzione di energia rinnovabile;
  • il sistema di raffrescamento e riscaldamento degli ambienti.

In cosa consiste l'APE e cosa contiene?

Secondo il D.lgs. 192/2005, ogni attestato di prestazione energetica deve contenere i seguenti dati:

  • la prestazione energetica globale dell'edificio, sia in termini di energia primaria totale che di energia primaria non rinnovabile, attraverso i rispettivi indici;
  • la classe energetica determinata attraverso l'indice di prestazione energetica globale dell'edificio, espresso in energia primaria non rinnovabile;
  • la qualità energetica del fabbricato per il contenimento dei consumi energetici per il riscaldamento e il raffrescamento, attraverso gli indici di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale ed estiva dell'edificio;
  • i valori di riferimento dei requisiti minimi di efficienza energetica vigenti a norma di legge;
  • le emissioni di anidride carbonica;
  • le raccomandazioni per il miglioramento dell'efficienza energetica dell'edificio, con le proposte degli interventi più significativi ed economicamente convenienti, separando la previsione di interventi di ristrutturazione importanti da quelli di riqualificazione energetica;
  • le informazioni correlate al miglioramento della prestazione energetica, quali diagnosi e incentivi di carattere finanziario.

Certificato APE: tempi di rilascio e validità

L’attestato di prestazione energetica rilasciato dal tecnico certificatore ha una validità di 10 anni, durante i quali il proprietario dell'immobile deve garantire i controlli periodici della caldaia previsti dalla legge. Se durante i dieci anni di validità dell'APE l'abitazione o l'edificio sono sottoposti a interventi di ristrutturazione, tali da modificarne le prestazioni energetiche, l’attestato di prestazione energetica va rinnovato.

Il rilascio del certificato APE avviene in tempi piuttosto brevi, a seconda della complessità dell’analisi. Una volta messa a disposizione tutta la documentazione al tecnico certificatore, il documento può essere prodotto entro un minimo di 48 ore e fino a un massimo di 4-5 giorni lavorativi, tuttavia in alcuni casi le tempistiche possono essere più lunghe.

Quando è obbligatorio l'attestato di prestazione energetica?

La legge stabilisce che l'attestato di prestazione energetica è obbligatorio negli atti di compravendita, donazione e locazione degli immobili (tra privati così come tramite le agenzie). Inoltre, è obbligatorio per demolizioni e ricostruzioni, per le nuove costruzioni e per gli interventi di ristrutturazione che interessano più di un quarto della superficie dell’immobile. Stabilendo quanto consuma un edificio o un'abitazione, l’APE è uno strumento utile per aiutare chi compra o affitta un’abitazione a valutare la qualità e l’efficienza energetica della casa.

Quanto costa fare l’APE e chi lo paga?

Il costo del certificato APE è di circa 150 euro, ad ogni modo dipende dal tipo di immobile, dalla regione e dalla città in cui si trova l’abitazione da esaminare. Chi lo paga il certificato APE? In genere, la spesa è a carico del proprietario dell’immobile, ad esempio quando deve produrre il certificato di prestazione energetica per affittare l’abitazione, inoltre anche nella compravendita è il venditore che deve sostenere il costo dell’APE.

Certificato APE online: compilare la certificazione energetica ora è più semplice

Come Life Company, desideriamo fornire tutte le risorse necessarie per migliorare la qualità della vita delle persone, l'efficienza energetica degli edifici e il benessere dei territori. Grazie ai nostri servizi, compilare la certificazione energetica è più semplice: puoi richiedere comodamente da casa tua la documentazione che certifica il fattore di conversione in energia primaria del teleriscaldamento di un edificio teleriscaldato.

Questo dato è indispensabile per redigere l’APE, nel caso in cui desideri vendere o affittare il tuo immobile, ma è necessario anche per l’APE convenzionale con cui puoi ottenere il Superbonus 110% e l’Ecobonus, cioè le detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici (Gazzetta Ufficiale n. 246 del 5 ottobre 2020).

Vuoi scoprire l'offerta giusta per te?

Lasciaci i tuoi dati, sarai richiamato da un nostro esperto che ti guiderà nella scelta dell'offerta più adatta alle tue esigenze.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e su di esso si applicano l'Informativa sulla privacy e i Termini del servizio di Google.

Prendi visione dell'informativa privacy. Presa visione dell'informativa privacy sopra indicata, acconsento al trattamento dei miei dati personali per finalità di marketing (invio di materiale pubblicitario, vendita diretta, compimento di ricerche di mercato e comunicazione commerciale) su prodotti e servizi offerti da A2A Energia, tramite modalità di contatto automatizzate e tradizionali così come descritte nell'informativa.